Che tu gestisca un’azienda o sei amministratore di un condominio, oppure ti occupi di un comune o semplicemente della tua casa, Brendolan srl ha la soluzione per te. Utilizziamo diversi metodi professionali adatti a tutti i luoghi e situazioni, scegliamo le tecniche più innovative e i prodotti più sicuri per te, la tua famiglia, i tuoi animali domestici e non ultimo l’ambiente al fine di garantire un servizio preciso e meticoloso.

Disinfestazioni Cimici dei Letti: l’importanza di un intervento tempestivo

Se si riscontra la presenza di blatte in un determinato ambiente, oppure se si ha semplicemente il sospetto che siano presenti, bisogna attivarsi con tempestività prima che il problema diventi insostenibile.

Siamo in grado di offrire un servizio tempestivo ed una consulenza mirata in tutto il Veneto.

Come eliminare le cimici dei letti?

  • ispezione della struttura per determinare la portata dell’infestazione e identificare la specie dell’infestante al fine di scegliere il trattamento più idoneo da utilizzare.
  • trattamento con tecniche d’avanguardia quali: azoto liquido, vapore secco, insetticida…
  • il report ossia la valutazione con eventuale monitoraggio dei risultati.

I nostri tecnici non si limitano a liberare l’ambiente da questi ospiti indesiderati, ma intraprendono una serie di azioni specifiche di natura preventiva, finalizzate ad evitare che lo spiacevole fenomeno possa ripetersi.

Focus Infestante: Cimice dei letti

Nome latino: Cimex lectularius
Nome latino: Cimex lectularius

Descrizione Cimici Letti
Le cimici dei letti sono lunghe circa 5-6 mm prima di nutrirsi di sangue e raggiungono circa 7 mm quando sono completamente rigonfie. La cimice dei letti era uno dei più diffusi parassiti dell’uomo fino agli anni ’40, da quel momento la sua presenza nel mondo ha subito un inesorabile declino dovuto alla messa in commercio del DDT.

Vedi anche  Come eliminare un nido di vespe dal cassonetto della tapparella?

A partire dagli anni ’90 la cimice dei letti è ricomparsa in molti paesi e intorno agli 2000 si è nuovamente diffusa in tutto il mondo. A favorirne la ricomparsa è stata certamente la globalizzazione, l’aumento dei viaggi nel mondo e la resistenza biologica che questo insetto ha sviluppato nei confronti di varie categorie di insetticidi.

Non è stata ancora accertata la capacità della cimice dei letti nel trasmettere malattie infettive.

Comportamento e Habitat

Le cimici dei letti si nutrono di sangue umano e sono attratte dal calore corporeo e dalla CO2 prodotta da esseri umani addormentati. Questi insetti iniettano un anestetico quando perforano la pelle, in modo che in un primo momento la puntura può passare inosservata.

La cimice dei letti è un insetto gregario con abitudini notturne, durante il giorno si nasconde dalla luce del sole in anfratti o fessure di ogni tipo nei pressi dei luoghi dove sosta l’uomo nelle ore notturne quali: crepe e fessure, testiere, dietro carta da parati in cattivo stato, intonaco danneggiato, interruttori della luce, sotto la moquette e dietro i battiscopa. Le cimici dei letti solitamente visitano il loro ospite per nutrirsi di sangue appena prima dell’alba. Se allarmate si spostano rapidamente ed emettono un segnale odoroso.

Come arrivano le cimici nelle nostre case?

La via principale di diffusione è rappresentata da persone o oggetti venuti in contatto con un ambiente infestato e che veicolano degli esemplari di Cimex lectularius e/o loro uova. Persone che soggiornano in ambienti infestati possono così inconsapevolmente consentire alle cimici di nascondersi nelle valigie o nei vestiti, trasportando in seguito gli insetti fino alla propria abitazione o in altri luoghi. Anche lo scambio di materiale usato può determinare lo spostamento di oggetti contaminati in nuovi ambienti con il serio rischio di diffondere l’infestazione.